Arco: Rom ubriachi mettono il grigri al contrario. È strage. Salvini: «Ruspe»

Arco di trento. Fonti vicine al quotidiano La Padania informano la nostra redazione che ieri un gruppo di rom del campo nomadi di Massone, dopo una giornata di festeggiamenti  per un matrimonio, ha intrapreso in pesante stato di ubriachezza alcune arrampicate sulle pareti della zona. Probabilmente a causa dell’elevato tasso di alcomenia, i rom, tutti arrampicatori esperti, hanno montato al contrario i grigri, appena rubati dagli zaini di alcuni turisti tedeschi.
Arrivati in sosta, i cinque climber rom sono precipitati a terra. Tre di questi hanno perso la vita e due sono rimasti gravemente feriti. Una delle vittime, Milos Tengovich, di origine serba, 14 anni, era proprio lo sposo che ha così tragicamente concluso quello che doveva essere un giorno di gioia e di felicità.
Tengovich lascia la giovane sposa, Mariuchka, 12 anni, quattro figli, 23 fratelli e 627 cugini.
Le altre due vittime sono  entrambi cittadini rumeni, Viorel Lolottescu, 12 anni,  e Bogdan Ronchiescu, 13 anni.
La sposa ha subito nascosto le casse di birra in fondo alla grotta e ha sospeso i festeggiamenti chiudendosi in  un solitario dolore.

Le fonti citate ci informano che tutte le vittime avevano avviato la loro carriera di climber scalando le pareti strapiombanti nelle gallerie delle fognature di Bucarest dove, tra topi e scarafaggi, avevano scavato e sistemato svariate zone boulder con alcuni passaggi durissimi. Tra questi ricordiamo Leptospirosys (8b) e Tricky Mouse (8a+) nella settore Cloaca Maxima, entrambi ancora oggi non ripetuti. In questo tipo di arrampicata, nota come DLS (Deep Liquam Solo) è necessaria la massima concentrazione ed è obbligatorio non cadere.

fogne

Il settore Cloaca Maxima, nelle fogne di Bucarest, Romania.
Verde: Leptospirosys (8b)
Rosso: Tricky Mouse (8a+)
_______________________________________

Uscita via

Il sentiero di accesso al settore Cloaca Maxima

Dopo queste prime esperienze i tre rom avevano deciso di emigrare per confrontarsi con l’ambiente del climbing internazionale.
Dopo un primo periodo di permanenza al CPT (Centro Prime Trazioni) di Erto, erano stati assegnati al campo nomadi di Massone Policromuro, ad Arco di Trento.

A parte qualche furto di piastrine e soste, poi vendute come ferri vecchi per pochi euro, i ragazzi si erano fatti ben volere da gran parte della comunità locale, che apprezzava l’accompagnamento musicale di cimbalo e fisarmonica sempre presente in falesia.
Poi i primi problemi: alcuni climber sloveni che stavano provando Underground, infastiditi dagli schiamazzi e dal fumo delle grigliate nella grotta, hanno dato fuoco ad alcune baracche e  hanno denunciato i furti alle autorità. Il resto è cronaca recente.

29/05/2014 Roma,  Camera dei Deputati, conferenza stampa di FI e Lega Nord. Forza Italia annuncia la firma dei referendum della Lega per reintrodurre il reato di immigrazione clandestina e per l' abolizione della riforma Fornero. Nella foto Matteo Salvini

Incontriamo l’onorevole Matteo Salvini per conoscere la sua opinione su questi drammatici fatti.

Nuovo Redattore. Onorevole Salvini, cosa ne pensa di quest’ultimo episodio?

Matteo Salvini. Ruspe, ruspe e ancora ruspe.

Nuovo Redattore. Potrebbe meglio articolare il suo pensiero?

Matteo Salvini. Ma avete visto cosa succede a Massone? Zingari ammucchiati con le loro baracche sotto le falesie che fanno l’elemosina cercando di racimolare un rinvio o un sacchetto di magnesite,  borseggiatori che frugano negli zaini per rubare una barretta energetica o un flacone di amminoacidi. La grotta di Underground trasformata in una discarica, con musica a tutte le ore, fuochi sempre accesi, grigliate, sporcizia dappertutto, lattine di birra, frigoriferi vecchi, materassi e altre porcherie. È ora di finirla. Lo ripeto: ruspe.

Nuovo Redattore. Ma anche queste persone hanno diritto di provare le vie, non crede?

Matteo Salvini. Si, ma a casa loro. Tornassero nelle fogne da dove sono venuti. Ruspe.

Nuovo Redattore. Sembra però che in Serbia, in Bulgaria e in Romania non ci siano gran che falesie…..

Matteo Salvini. Portiamo le ruspe anche li, facciamo una cava e gli attrezziamo qualche via. Vede, le ruspe risolvono sempre tutto!

Nuovo Redattore. Le malelingue dicono però  che il vostro astio sia dettato principalmente dal fatto che il segretario regionale della Lega Nord del Trentino stia provando Underground da due anni senza successo, mentre molti di questi zingari, incluso Tengovich, l’hanno fatta in pochi tentativi. Cosa c’è di vero?

Matteo Salvini. Sono le solite illazioni degli ipocriti buonisti. Ruspe. Anche se in questo caso c’è un fondo di verità: gli zingari notoriamente non si lavano e quindi fanno le vie con le mani con cui hanno mangiato le loro ignobili salsicce lasciando le prese sporche di grasso. È evidente che sui piattoni di Underground questo non aiuta. Ruspe. Il nostro segretario regionale, persona che si allena con serietà e dedizione, proprio a causa del grasso delle salsicce sulle prese, non tiene la sbandierata. Purtroppo ora è arrivato il caldo e quindi se  ne parlerà in autunno, ma sono certo che la farà.  Vede dottor Zanchetta, noi della Lega ce l’abbiamo duro, l’avambraccio.

Nuovo Redattore. So che sono state emesse delle ordinanze comunali su questo problema.

Matteo Salvini. Si, ora, grazie alla Delibera Insaccati, da noi proposta, il comune di Arco, ha vietato le salsicce di maiale e la luganega trevigiana, meno stagionata e quindi più grassa. Abbiamo poi vietato di suonare il violino zigano durante i tentativi perché è troppo nostalgico e deconcentra gli scalatori. Siamo inoltre intervenuti con l’ammoniaca per togliere grasso e fuliggine dalle prese di Underground. Silvio Reffo, che l’ha ripetuta per l’occasione, ha comunque confermato il grado e ha anche mangiato le patatine fritte prima della catena. Probabilmente, a causa dell’odore, gli era venuto un po di languorino sulla sbandierata…..

Nuovo Redattore. Grazie onorevole Salvini.

Matteo Salvini. Grazie a lei dottor Zanchetta. Ah, dimenticavo: ruspe.

3 pensieri su “Arco: Rom ubriachi mettono il grigri al contrario. È strage. Salvini: «Ruspe»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...